Marmellata o Confettura?

Marmellata o Confettura?

Confondiamo marmellata e confettura, perché nel linguaggio comune le due parole sono considerate sinonimi. In realtà si tratta di due prodotti ben distinti, seppur evidentemente simili.

Ecco la differenza.

La Comunità Europea stabilì, fin dal 1979, che la marmellata è un prodotto fatto di zucchero e agrumi (arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto, pompelmo). Le parti di agrumi utilizzabili sono polpa, purea, succo, estratti acquosi e scorza. La differenza la fa anche la percentuale di frutta usata per il preparato: nel caso della marmellata deve essere almeno del 20 per cento, e invece, per quanto riguarda la confettura e la confettura extra, si parla rispettivamente di 35 per cento e 45 per cento.

La confettura fu definita invece come il prodotto contenente zucchero e polpa (o purea) di tutti gli altri tipi di frutta. La percentuale di frutta non può essere quindi inferiore al 35% (con differenze anche notevoli a seconda del frutto usato), ma sale al 45% nel caso della “confettura extra“.

C’è una terza categoria: la composta. In questo caso si ritiene che la percentuale di frutta non debba essere inferiore ai due terzi. Nella composta lo zucchero aggiunto è sensibilmente minore, così come il conseguente apporto calorico.

Naturalmente tutte le precisazioni fornite qui sopra tornano utili quando ci accingiamo a comprare un prodotto, perché conoscere le nomenclature ufficiali e le normative che regolano la produzione dei generi alimentari è sempre consigliato. Ma poi, ammettiamolo, conoscere la differenza tra marmellata e confettura è una carta da giocarsi per fare la figura di chi la sa lunga con amici e familiari, magari davanti a una bella colazione durante le vacanze estive!

 

Provale con le nostre Mini Fette Biscottate

Scritto da FKDesign

Lascia un commento